Comunità Monastica Suore Oblate Benedettine di Santa Scolastica

Ora et labora

S. NATALE

dicembre 22nd, 2018

25 dicembre 2018
NATALE DEL SIGNORE C*

Lc. 2, 1-14

“Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nazaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme….Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per Lei i giorni del parto…”

Dio pone la sua tenda tra le tende provvisorie dell’umanità. La forza del Natale sta in questo segno. Gesù, il Bambino nato a Betlemme ci parla del Regno di Dio, ci offre la vicinanza di Dio; Egli è colui che sta con noi.
Il vangelo della Messa della notte racconta la nascita di Gesù. E’l’eternità di Dio che entra nel nostro tempo.
Con la nascita di Gesù i ‘racconti dell’infanzia’ riportati da Luca raggiungono il loro scopo: mostrare gli inizi della vita del Messia e mostrare i segni della divinità nella sua umanità.
Il nostro brano è dunque allo stesso tempo storia e narrazione di fede.
Luca è particolarmente attento a legare la storia di Dio con la storia degli uomini: come il periodo del governo di Augusto fu un tempo di pace e prosperità, così la nascita di Gesù inaugura la pace duratura che solo Dio può donare.
I versetti 4-5 riportano alcune notizie su Giuseppe: egli proviene dalla Galilea ed è di famiglia regale; è sposato con Maria che è incinta, e con lei si dirige a Betlemme. Proprio a Betlemme Maria partorisce e dà alla luce ‘il suo figlio primogenito’ (v.6). Questo termine sottolinea quanto dice la legge di Mosè: che ogni maschio primogenito è consacrato a Dio (Luca sta già preparando la scena della presentazione al tempio di 2,21-28).
Nei versetti 8-9 la scena si sposta sui pastori che vegliano all’aperto il proprio gregge anche di notte, per difenderlo da animali e predoni.
Qui essi ricevono l’annuncio degli angeli (vv.10-11); il loro è un annuncio di gioia (la gioia sarà la caratteristica di tutto il vangelo del terzo evangelista).
“oggi è nato per voi”: spesso questo avverbio si trova riferito alla salvezza apportata da Gesù. A conferma dello stretto rapporto tra la venuta di Gesù e l’avvicinarsi della salvezza, le parole angeliche parlano del ‘Salvatore’ e del ‘Cristo Signore’, titoli che sottolineano il valore della sia missione.

L’Altissimo si è fatto piccolissimo, l’Onnipotente bisognoso di tutto. La Parola si è fatta vagito di un bambino. Domandiamoci: nelle nostre giornate dove deponiamo Gesù, che è Figlio di Dio e Figlio dell’uomo? Viviamo noi questa unità tra fede e vita? L’inatteso accade: sappiamo ancora sussultare di gioia? Dio ci ha salvati, ci lasceremo salvare?
Il bacio tradizionale al Bambino esprima l’accoglienza di Cristo in noi e la nostra sintonia con il suo progetto di vita.