Comunità Monastica Suore Oblate Benedettine di Santa Scolastica

Ora et labora

VI DOMENICA ‘C’

febbraio 11th, 2019

17 febbraio 2019
LECTIO DIVINA

VI DOMENICA “ C “

Dal Vangelo secondo Luca, 6, 17. 20-26

“…C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente…Alzati gli occhi verso i suoi discepoli Gesù diceva:”.

Siamo nel cuore del vangelo: le beatitudini sono infatti la legge nuova del cristiano.
Gesù ha vicino a sé i Dodici, ai piedi del monte c’è una gran folla di suoi discepoli e una moltitudine. Immaginiamo la scena: circondata dai Dodici, dai Discepoli e dalle folle quasi a cerchi concentrici, Gesù annuncia il programma del Regno nuovo .
Il dono delle beatitudini in Luca è personale e diretto: “Beati voi…” Ciò lascia trasparire la plasticità e l’incisività della predicazione di Gesù.
Prendiamo in considerazione – per questione di spazio, poiché ogni beatitudine andrebbe commentata a lungo- solo l’ultima : “Beati voi quando gli uomini vi odieranno…a causa del Figlio dell’uomo: rallegratevi ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli” (v.22).
Poichè è stato perseguitato Gesù, lo saranno anche i suoi discepoli. Ma la ricompensa è assicurata; è la certezza di camminare sulla strada che Lui ha già percorso. Ma, Egli assicura: al momento della persecuzione “io stesso vi darò un linguaggio e una sapienza a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere “(Lc.21,15).
L’alternativa al “beati!” è il “guai!” (vv.24-25): “Ma guai a voi ricchi…guai a voi che ora siete sazi…guai a voi che ora ridete…”.
Il vangelo ci mette di fronte a una tragica alternativa: Dio o la ricchezza. O ci si poggia su di Lui, o su di essa: non c’è alternativa!
Possiamo dunque definire quello delle beatitudini un discorso provocatorio e consolatorio insieme: un messaggio che consola solo nella misura in cui riesce a depositare nel nostro cuore un’immagine nuova di Dio che ci provoca a cambiare vita, a realizzarci come piace a Lui.
E il v.26: “Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi….”è una spia per sapere se siamo o no sulla via giusta: perchè il mondo approva ciò che è suo, non ciò che lo giudica e lo condanna.